BENVENUTO NELLA TERRA IBLEA

CERCA
Vai ai contenuti

Menu principale:

PALAZZO BATTAGLIA

RAGUSA IBLA > > PALAZZI UNESCO

Il Palazzo Battaglia è un monumento riconosciuto dall'Unesco. Dopo aver percorso tutta la via Del Mercato, che si affaccia sulla valle del torrente San Leonardo, proseguiamo diritto per via Chiaramonte dove subito a destra incontriamo l'entrata secondaria del Palazzo Battaglia, mentre quella principale è in via Orfanotrofio, accanto alla chiesa della SS. Annunziata. E' considerato come uno dei palazzi più caratteristici di Ibla per il suo aspetto monumentale e per la raffinatezza delle soluzioni architettoniche e decorative che fanno pensare alla mano di un abile architetto, forse il Gagliardi. Conosciuto anche come "Palazzo Maggiore o Giampiccolo" fu fatto costruire dal nobile don Grandonio Battaglia, barone di Torrevecchia. Costui nel 1724 incaricò dell'opera il capomastro Giuseppe Recupero di Acireale, molto abile nell'opera del bugnato che si può notare nel grande portale d'ingresso, una caratteristica tipica delle fabbriche barocche della zona Etnea.

Il primo piano sarebbe invece opera dei capomastri Cultraro quali esecutori del progetto di Rosario Gagliardi, attribuzione supportata oltre che da riscontri documentari, dal confronto con le forme e lo stile di altre opere progettate dall'architetto netino. Qualche decennio dopo, nel 1748 il palazzo veniva ampliato con l'aggiunta dell'ala nord che prospetta su via Chiaramonte, per iniziativa del barone Giovanni Paolo Battaglia, e l'opera dei capomastri ragusani Silvestro Di Natale e Vincenzo Sbezzi. Costoro fornirono prova di grande abilità nell'integrarla nel contesto del fabbricato già esistente e nel caratterizzarla, nello stesso tempo, con un originalità che non ha riscontro negli altri palazzi della città. In questa ala del palazzo in basso sono presenti i magazzini e le scuderie, quindi l'ammezzato, il piano nobile e per ultimo le sale per gli ospiti e la servitù. Il palazzo quindi presenta due facciate: quella principale in via Orfanotrofio e quella secondaria in via Chiaramonte.

Ultimo aggiornamento: 08/11/2017
giampigiacomo@libero.it
http://picasion.com/i/1U5qo/
Torna ai contenuti | Torna al menu