BENVENUTO NELLA TERRA IBLEA

CERCA
Vai ai contenuti

Menu principale:

PADIGLIONE OVEST

MUSEO KAMARINA

Il padiglione Ovest, originariamente adibito al ricovero del bestiame della vecchia fattoria, documenta la vita camarinese dall’età classica (fase di maggiore notorietà (Pindaro ne canta l’alta selva di case nella V Olimpica) all’età ellenistico-romana nei suoi molteplici aspetti: l'impianto dell'agorà, principale spazio pubblico urbano, le tipologie abitative, la monetazione, i culti, ed i reperti provenienti dalla necropoli di Passo Marinaro. Ulteriore attenzione è rivolta al territorio (chora), costellato di fattorie, e al porto-canale alla foce del fiume Ippari.

SALA (7) DI CAMARINA CLASSICA.

Questa sala è dedicata all’Agorà, disposta all’estremità occidentale dell’acropoli così da dominare l’ampia baia e il porto. Viene anche proposta una parziale ricostruzione del ricco deposito sotterraneo di anfore rintracciato al di sotto del Edificio Ovest. Le circa 800 anfore di tipo greco-italico rinvenute, prodotte localmente e databili al IV° sec. a.C.,
potrebbero ipoteticamente porsi in relazione con l’esportazione del Mesopotamium, vino camarinese estremamente rinomato in antichità.

Sono esposti anche alcuni quartieri urbanistici con le varie plateie e stenopoi, alcune documentazioni fotografiche della coniazione camarinese raffiguranti Athena, Demetra e Kore, la ninfa Kamarina, Zeus e il Dio Hipparis. VEDI FILMATO.

SALA (8) NECROPOLI PASSO MARINARO.
In questa ampia sala sono esposti vari corredi funerari risalenti al V-IV secolo a.C. provenienti dagli scavi eseguiti presso la necropoli classica di Passo Marinaro, dalla città (Casa dell’Altare, Casa dell’Iscrizione) e dal territorio camarinese (Fattoria Iurato, insediamento di Contrada Maestro). Crateri a campana a fondo rosso con figure nere, lucerne, coppe, ciotole, olpai a vernice nera, ceramiche, iscrizioni, sarcofagi in terracotta, cippi funerari, ricostruzione di una tomba a cappuccina con corredo e altri pregevoli corredi ceramici attici. Dal Passo Marinaro provengono anche diverse "defixiones" (maledizioni rivolte a persone, incise su lamine plumbee). In questa sala sono esposte anche una sepoltura a cappuccina con corredo, una epigrafe funeraria di Hippo e tegole con timbri, un'ara ed alcuni plastici ricostruttivi di una fattoria greca e di tutto il sito archeologico. La vetrina n° 11 presenta esemplari di ceramica attica e siseliota delle collezioni Pace e Carratello.

Per altre informazioni riguardanti: l'impianto urbanistico, le fattorie, la chora, le necropoli, il porto, i monumenti, aprire il MENU STORIA/MAPPA ESTESA, nella tabella menu che si apre cercare KAMARINA nella colonna di sinistra.

Ultimo aggiornamento: 08/11/2017
giampigiacomo@libero.it
http://picasion.com/i/1U5qo/
Torna ai contenuti | Torna al menu