BENVENUTO NELLA TERRA IBLEA

CERCA
Vai ai contenuti

Menu principale:

LE VILLE

IL TERRITORIO >

Le ville pur avendo parecchie analogie con le masserie (entrambe erano legate ai lavori delle campagne e presentavano strutture abitative che si sviluppavano attorno ad un cortile) si differenziavano da quest'ultime per la qualità esterna delle abitazioni (più imponente e più classicheggiante); per la maggiore quantità di strutture edilizie funzionali ai lavori della campagna (cantine per il vino, e per l'olio, cappelle che si affacciavano nel cortile); per gli interni che presentavano numerose stanze disposte in successione (con le volte, generalmente a padiglione) decorate con particolari arredi, affreschi, pavimentazione in ceramica; per la loro tardiva comparsa rispetto alle masserie; per i loro proprietari che rappresentavano i capitalisti, cioè la nuova ricca borghesia.  
 
CENNI STORICI.
Il fenomeno delle ville rurali o delle "Casine di villeggiatura" si sviluppò nell'area iblea tra la seconda metà dell'800 ed i primi del '900. Lo sviluppo viario, la costruzione della ferrovia, lo sfruttamento razionale e sistematico del territorio agricolo, l'ulteriore disboscamento effettuato nella pianura camarinense (Vittoria, Comiso, Chiaramonte) per far posto ad un'agricoltura intensiva costituita prevalentemente da uliveti e vigneti, la diffusione generalizzata dell'affito e della mezzadria, favorirono la nascita di una borghesia "capitalistica" e di conseguenza la diffusione delle ville rurali nella campagna iblea. I proprietari terrieri trascorrevano, con le loro famiglie, il periodo della villeggiatura (da giugno a ottobre) e nello stesso tempo controllavano tutta una serie di attività: mietitura, trebbiatura, bacchiatura delle carrube, raccolta delle mandorle, dell'uva e delle olive.  

STRUTTURA DI UNA VILLA.
In questi edifici si espresse tutta l'abilità, la fantasia ed il senso artistico delle maestranze locali, che trasformarono la pietra tenera in un prezioso ricamo. Come da tradizione la
villa padronale, le case rurali, la cappella, i magazzini nascevano attorno ad un cortile (o bagghiu), pavimentato con basole di pietra. Alcune ville presentavano ingressi monumentali con diversi elementi decorativi: sculture in pietra che raffiguravano vasi ricolmi di frutta, ampie volute, foglie, festoni, fiori, leoni, edicole sacre, simboli araldici. Il padrone risiedeva nel primo piano (quello nobile); mentre nel piano terreno (o basso) si trovavano i magazzini o le abitazioni rurali. Molte ville erano arricchite da una doppia scala in pietra con ringhiera in ferro battuto o balaustre in pietra scolpite che conducevano ad una terrazza dalla quale si gode la vista del giardino e del paesaggio circostante. In alcune ville la terrazza poggiava su un ampio portico. In mancanza di terrazza, nel piano nobile erano collocati singoli balconi o uniche balconate che correvano lungo tutto il prospetto. Alcue di queste ville sembravano dei castelli mediovali con le loro tipiche torri merlate, con finestre generalmente bifore.

LE VILLE OGGI.
Le masserie degli iblei rassomigliano oggi a delle vere botteghe d’arte, ed i massari sono considerati sempre di più artigiani che tramandano le antiche ricette contadine familiari di generazione in generazione. In alcune di queste strutture viene lavorato il latte ed i prodotti di filiera possono essere acquistati direttamente dal produttore, sia freschi che stagionati. In qualche caso le masserie sono diventate dei punti di incontro e ristoro, specie d’estate, quando, nel fresco della campagna ci si riunisce per degustare piatti tipici locali. Moltissime di queste ville restaurate sono divenute strutture abitative per la villeggiatura, agriturismi, alberghi “ inn” e anche centri servizi per la promozione e la valorizzazione dei beni culturali. Oggi le masserie sono le “perle” del territorio ibleo, attirano vip e raffinato turismo anche internazionale alla ricerca di un ambiente naturale e architettonico particolarmente raffinato.
Clicca qui per vedere la mappa della dislocazione di alcune ville nel territorio ibleo.
Clicca qui per visionare l'elenco dettagliato delle ville di cui sopra.

Ultimo aggiornamento: 03/09/2019
giampigiacomo@libero.it
http://picasion.com/i/1U5qo/
Torna ai contenuti | Torna al menu