BENVENUTO NELLA TERRA IBLEA

CERCA
Vai ai contenuti

Menu principale:

LE NECROPOLI DI THAPSOS

MENU STORIA >

Le necropoli, costituite da circa duecento tombe sono state scavate nella roccia calcarea e si trovano in diverse aree non lontane dall’abitato. Le necropoli occupano un territorio molto vasto e presentano tombe di varia tipologia.
Vi sono tombe a Tholos (con amera circolare e concava) che sorgono sulla costa settentrionale, a diretto contatto con il mare, dalle cui acque molte sono state invase e distrutte. Le tombe lungo la costa sono tutte precedute da un lungo corridoio detto dromos ed il portello elegantemente modanato. le camere sepolcrali sono alquanto profonde e di forma circolare, lungo le pareti ci sono grandi nicchie per le inumazioni e proprio sotto l’ingresso sporgono dei gradini per agevolare la discesa nella cella funeraria.
Sulla pianura rocciosa ci sono tombe con accesso a pozzetto verticale e una o due camerette contigue. La morfologia interna delle camere sepolcrali ricalca quella castellucciana. Le camere sepolcrali sono alquanto profonde e di forma circolare, lungo le pareti ci sono grandi nicchie per le inumazioni e proprio sotto l’ingresso sporgono dei gradini per agevolare la discesa nella cella funeraria.

Alcune erano certamente tombe signorili in quanto vi sono stati rinvenuti ricchi corredi. Per la prima volta nei corredi funerari vengono trovati oggetti di bronzo (fibule, rasoi e coltelli) ma anche un gran numero di ceramiche d’importazione, particolarmente micenee, maltesi e cipriote, a conferma dell’assiduo scambio commerciale di Thapsos con queste culture. Inoltre, sono stati rinvenuti, in particolare nelle tombe, un gran numero di oggetti di uso personale che trovano riscontro nell’area dell’Egeo: collane e ciondoli in pasta vitrea, ambra non locale, armi (spade e pugnali) ritrovati anche in Italia, oltre che nell’Egeo.
Nella penisola sono state trovate anche
sepolture ad enchytrismos cioè dentro grandi pithoi (inumazione dentro vasi decorati con cordonature orizzontali) collocate sul terreno e privi di corredo. Testimonianza forse della presenza a Thapsos di una comunità di mercanti micenei. S'incontrano anche numerose tombe le cui celle funerarie sono accessibili, non attraverso un dromos, ma un pozzetto spesso in comune con altre celle.

Ultimo aggiornamento: 22/03/2020
giampigiacomo@libero.it
http://picasion.com/i/1U5qo/
Torna ai contenuti | Torna al menu