BENVENUTO NELLA TERRA IBLEA

CERCA
Vai ai contenuti

Menu principale:

BARAVITALLA

MENU STORIA >

Poco distante da Cava D'Ispica, in contrada Baravitalla, negli anni ottanta sono stati individuati i resti di un villaggio protostorico appartenente alla cultura di Castelluccio e la relativa necropoli. Per quanto concerne il villaggio, sono stati individuati resti di capanne, buchi per pali di sostegno ed i resti di un muraglione realizzato con la tecnica ad emplekton. La necropoli era invece formata da una cinquantina di tombe a grotticella artificiale, scavate direttamente nella roccia calcarea. La necropoli purtroppo era già stata violata. Una delle tombe, comunque, risulta più rilevante delle altre per il suo carattere monumentale.
Per questo motivo è stata ribattezzata come la "
tomba del principe". Il suo prospetto lievemente concavo è decorato con 10 finti pilastri. L'apertura è circondata da una spessa cornice che s'innesta armonicamente con la decorazione a pilastri, mentre una sottile sporgenza percorre l'intera lunghezza del prospetto. La tomba presenta un'anticella ben conservata dove l'apertura che precede la cella sepolcrale è circondata da una spessa cornice in rilievo simile a quella dell'ingresso, dove sono visibili dei fori e delle guide che erano utilizzate per l'innesto dei pali di blocco del chiusino interno.

Oltre l'ingresso della tomba, c'è una piccola anticella che poi da luogo alla vera e propria cella. Ai lati del secondo ingresso si conservano ancora i fori che servivano da incastro al portello di chiusura. Il villaggio al momento non è visitabile mentre la tomba del principe risulta perfettamente fruibile ed è comodamente raggiungibile in macchina da Cava D'Ispica.

Ultimo aggiornamento: 21/12/2018
giampigiacomo@libero.it
http://picasion.com/i/1U5qo/
Torna ai contenuti | Torna al menu